Senza categoria Archives - samerlift.com

Storia: I primi ascensori

tammany-hall-1914

Dobbiamo ammetterlo, siamo così abituati ad usare gli ascensori che quasi non facciamo più caso alla loro speciale utilità, e spesso gli dedichiamo la nostra attenzione… solo se si guastano :)! Ma quando è nata davvero l’esigenza di utilizzarli e di migliorarli? Scopriamolo insieme! L’ascensore è stata senza dubbio un’invenzione brillante, utilissima e indispensabile sia per il lavoro che per la vita di tutti i giorni. La storia dell’ascensore moderno inizia nell’ 800, quando vennero applicati motori a vapore o idraulici. Nei primi del secolo la maggior parte degli ascensori dotati di stantuffo idraulico furono usati in fabbriche europee e americane. La cabina o “gabbia”, era bilanciata in parte da un contrappeso a cui era collegata mediante un cavo che scorreva su una puleggia fissata alla sommità del pozzo. Al di sotto della cabina era montato un lungo stantuffo che entrava e usciva da un cilindro affondato nel terreno e profondo come la corsa della gabbia.

Illustrazione progettuale di un ascensore idraulico del 1800

Illustrazione progettuale di un ascensore idraulico del 1800

 

Come detto, il funzionamento di questa tipologia di ascensore era ad energia idraulica: l’acqua veniva iniettata all’interno del cilindro per creare pressione sufficiente a sollevare la cabina mentre, per farla scendere, era sufficiente la forza di gravità. Le valvole che governavano il flusso dell’acqua venivano regolate dai passeggeri attraverso funi che passavano attraverso la cabina. L’ascensore trova larga diffusione negli Stati Uniti a partire dalla metà dell’800 per un’esigenza precisa: quella di realizzare edifici più alti di quattro piani, cosa tecnicamente possibile ormai da molto tempo, ma la cui richiesta divenne notevole solo quando furono disponibili ascensori a più piani.

Nei primi anni del 1800 l'Holt Hotel di New York è il primo albergo con ascensore per il trasporto dei bagagli degli ospiti.

Nei primi anni del 1800 l’ Hotel di New York è il primo albergo con ascensore per il trasporto dei bagagli degli ospiti.

 

L’improvviso aumento degli abitanti nelle città della costa orientale degli USA determinò un’impennata dei costi dei terreni edificabili, e di conseguenza, aumentando l’altezza degli edifici, i costruttori avevano a disposizione una maggiore quantità di superficie abitativa vendibile. Proprio per queste motivazioni, da questo momento in poi, l’ascensore divenne sempre più prezioso, e la sua tecnologia è stata perfezionata sino ad arrivare all’eccellenza dei nostri giorni. :)

Notizie dal Mondo: Ascensori Incredibili!

AquaDom

L’ AquaDom si trova a Berlino, in Germania, è un acquario in vetro cilindrico alto 25 metri, che dispone di un ascensore trasparente costruito all’interno di esso. L’ascensore viaggia attraverso il centro dell’acquario , permettendo ai visitatori di poter godere della vista dell’acquario in tutta la sua sorprendente altezza. Probabilmente, questo è uno degli ascensori più incredibili mai stati progettati e realizzati in questo secolo.

aquadom
aquadom2

Il Gateway Arch

Il Gateway Arch è il più alto edificio accessibile in Missouri, ed è il più alto edificio realizzato negli Stati Uniti! (Quindi anche solo questo è impressionante!!) Il Gateway Arch è una delle attrazioni più visitate al mondo, grazie alla sua  struttura futuristica e il suo ascensore può trasportare fino a 80 persone alla volta.   gateway

Lloyd’s Building

A Londra, in Inghilterra, il Lloyd’s Building non è noto per essere uno degli impianti di risalita più veloci. Tuttavia, è molto noto per le splendide viste in suo possesso. Da questo edificio, infatti, è possibile vedere il fiume Tamigi, la Guglia di San Paolo, il famoso edificio Gherkin. Attraverso questi ascensori si è in grado di vedere molti dei siti popolari di Londra, se si ha poco tempo per girare la città! Purtroppo, questo ascensore è piuttosto esclusivo, fattore che lo rende ancora più entusiasmante se si vuole avere la possibilità di viaggiare in uno di questi elevatori di cristallo!   lyiod llooyd

Bailong Elevator

Ebbene, l’ascensore Bailong deve essere uno dei più affascinanti ascensori in tutto il mondo! Questo solamente perché è un ascensore sul lato di una scogliera, ed è anche alta 1.070 piedi! Si trova in Cina, ed è conosciuto per essere uno dei più alti ascensori all’aperto del mondo!   bailong

Sky Tower

La Sky Tower si trova a Auckland, in Nuova Zelanda, e vanta di avere una delle più belle silouhette del mondo! È possibile visualizzare il paesaggio di Auckland in meno di un minuto in una corsa magica, in un ascensore circondato dal vetro! Cosa si può volere di più!? Oh sì, ha anche un’altra attrazione molto particolare … ha un ristorante girevole! Un esempio di architettura al meglio delle sue possibilità!   skytower1

Taipei 101

Non si riesce a capire se classificare il Taipei 101 come un semplice ascensore, oppure come una giostra dalla discesa mozzafiato! Di sicuro il Taipei vola attraverso l’edificio ad una velocità sorprendente quaranta miglia all’ora! Si può raggiungere il piano 89 ° in soli 37 secondi!   taipei1   taipei2

Quadri di manovra ed efficienza energetica

inverter_risparmio

Cosa significa ammodernare un vecchio ascensore e perché farlo?

Se è vero che molte volte si decide per un intervento di sostituzione di alcune parti dell’ascensore (motore, quadro di manovra…) soltanto quando diventa necessario per il normale funzionamento e per garantire la sicurezza dell’impianto, non si deve dimenticare che un intervento come questo è sempre anche un miglioramento dell’ascensore, in quanto si sostituisce una tecnologia vecchia con una nuova.

I professionisti del settore infatti consigliano sempre al cliente ciò che di meglio la ricerca tecnologica mette a disposizione e ne sanno far apprezzare i vantaggi soprattutto in termini di risparmio nel medio e lungo periodo.

Quadri ad Inverter

Un inverter è un dispositivo che permette di “pilotare” un motore elettrico variando le caratteristiche della tensione e della frequenza che lo alimentano. L’inverter consente movimenti dolci dell’ascensore in accelerazione, in decelerazione e soprattutto in fermata con posizionamento al piano perfetto. Un motore, anche se di vecchia fabbricazione, ha rendimenti migliori se alimentato attraverso un inverter sia in termini di consumo che in termini di precisione. E’ inoltre provato che l’usura dei suoi componenti meccanici diminuisce notevolmente. Guardando alla bolletta, l’applicazione corretta di un inverter riduce il consumo circa del 35% e la potenza impegnata del 50%.

Se si considera che un quadro di manovra per ascensore ha una longevità media di alcuni decenni, e si considera quanto velocemente la tecnologia si evolva, è davvero raccomandabile, nel momento in cui lo si sostituisce, chiedere che sia un vero “ammodernamento” e non un semplice “ricambio”.

Mini-lift: con le detrazioni fiscali, investimento ancora più maxi!

Minilift_2

Il mini-ascensore (mini-lift) è ancora più accessibile. Il maxi investimento diventa ancora più grande, usufruendo delle detrazioni fiscali fino al 50% entro il 31 Dicembre 2015; grazie al recupero IRPEF del Decreto Sviluppo, infatti, si recupera fino alla metà dell’importo speso.

Il recupero IRPEF è accessibile a tutti, anche se non si è proprietari dell’immobile, basta che sia installato nel territorio italiano ed in più è suddividibile anche per quote millesimali nel caso di un condominio.


Come funziona:

  • l’agevolazione è valida fino al 31 Dicembre 2015

  • per il Recupero IRPEF farà fede la data dell’effettuato bonifico di pagamento

  • la causale del pagamento dovrà essere: “montaggio di una piattaforma elevatrice per l’abbattimento delle barriere architettoniche”

  • l’importo pari al 50% della spesa può essere portato in detrazione in parti uguali in 10 anni

  • la spesa può essere sostenuta anche nell’interesse di terzi che siano fiscalmente a carico

  • il recupero IRPEF può essere sommato ad altre detrazioni o contribuiti qualora se ne avesse diritto


 

Considerando poi che, come già detto, un mini-ascensore è a tutti gli effetti un ascensore, ma con costi di impianto, manutenzione ed energetici molto più bassi, è facilmente desumibile come, anche grazie alle agevolazioni fiscali, possa rappresentare un MAXI investimento per chi vuole aumentare il valore del proprio immobile.

Mini-lift: un maxi-investimento!

minilift

Il mini-ascensore (minilift) è a tutti gli effetti un ascensore.

Studiati per le abitazioni private o per qualsiasi edificio commerciale o pubblico che richieda il superamento di barriere architettoniche. I mini-ascensori o minilift sono dei veri e propri ascensori, ma si distinguono per la velocità ridotta e la semplicità di funzionamento.Ideale nelle abitazioni per l’abbattimento delle barriere architettoniche laddove non è possibile installare un classico impianto ascensore, specialmente per favorire, grazie alle dimensioni di ingombro ridotte il trasporto verticale di anziani o persone disabili.

Adattabili a tutte le tipologie abitative su due o più piani o in situazioni di strutture o servizi per la collettività, si distinguono anche per un contenuto costo di acquisto e di manutenzione.

Il mini-ascensore o minilift, non sono solo “mini” per quanto riguarda le dimensioni e le prestazioni, ma anche e soprattutto per quanto riguarda:


  • CONSUMI :  – 80% rispetto ad un ascensore tradizionale

  • MANUTENZIONE:  -50% rispetto ad un ascensore tradizionale

  • PREZZO: -20% rispetto ad un ascensore tradizionale


Questo fa del mini-ascensore o mini-lift un vero e proprio investimento, specialmente in un momento di profonda crisi del mercato immobiliare.
L’installazione di un mini-lift all’interno di un struttura abitativa, infatti, può innalzare il valore di mercato realizzato dell’immobile fino al 50% in più rispetto al normale prezzo di realizzo.

Un esempio concreto:

valore di un immobile di 80 MQ posto al 4° piano di una palazzo secondo un valore di mercato medio locale pari a € 1.000,00 al MQ.


  •  SENZA ASCENSORE: valore di realizzo – 25% rispetto al valore medio locale = € 60.000,00

  • CON MINI-LIFT: valore di realizzo + 10% rispetto al valore medio locale = € 88.000,00


Il 47% in più sul valore realizzato dopo la vendita dell’immobile.

Secondo questi dati è facilmente desumibile come il mini-ascensore sia un investimento concreto sull’immobile, sottolineando che il costo del suddetto investimento parte da € 9.000,00

cifra che non si avvicina nemmeno alla svalutazione che il mercato immobiliare ha subito nell’ultimo decennio (tra il 30% ed il 50%).

A tutto ciò c’è poi da aggiungere che il costo di manutenzione ed i consumi annui sono davvero “mini”, per comprendere che il mini-lift è un mini-ascensore ma un maxi-investimento!

Assistenza 24 ore su 24

Schermata_up&down_samerlift

SAMERLIFT fornisce alla propria clientela un valido supporto di assistenza al cliente, attivo 24 ore su 24.

Questo servizio assistenza, in collegamento con la centrale operativa è destinato al soccorso di eventuali utenti rimasti bloccati nella cabina ascensore.

Per richiedere il soccorso è sufficiente premere il pulsante di allarme in cabina, che attiverà un combinatore telefonico in collegamento con i nostri numeri di emergenza, garantendo un pronto intervento che comunque è previsto in un’ora dalla chiamata.

Read More

Report: Affermazioni Inesatte!

Schermata report

Affermazioni INESATTE nella trasmissione “Report” di domenica 31 Maggio 2015.

Anche Report, in onda su Raitre domenica scorsa si è occupato di risparmio energetico negli ascensori, sottolineando una tendenza in visibile aumento in questi anni.

In primo piano la soluzione innovativa di Encosys, ma anche le sovvenzioni pubbliche legate ai cosiddetti “certificati bianchi”, grazie alle quali è diventato possibile installare degli inverter su ascensori esistenti ottenendo una riduzione del consumo di energia.

Non è esatto, come viene frettolosamente affermato, che l’inverter da solo non consente di ridurre il consumo energetico. E’ bene infatti ricordare che l’applicazione corretta di un inverter riduce il consumo circa del 35% e la potenza impegnata del 50%.

Read More

DA OGGI, INSTALLARE UN ASCENSORE E’ ANCORA PIU’ FACILE

Schermata_gazzetta_ufficiale

Installazione degli ascensori, le semplificazioni nel DM del 19 marzo 2015

In Gazzetta Ufficiale n.82 del 9 aprile 2015

Decreto Ministero Sviluppo Economico 19 marzo 2015 “Individuazione della documentazione da presentare ai fini dell’accordo preventivo per l’installazione di ascensori nei casi in cui non e’ possibile realizzare i prescritti spazi liberi o volumi di rifugio oltre le posizioni estreme della cabina”.

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.82 del 9 aprile 2015 il decreto attuativo del Ministro dello Sviluppo economico 19 marzo 2015 sulle semplificazioni per l’installazione degli ascensori.

Si ricorda che per lo stesso Ministero la semplificazione interessa sia i cittadini che le imprese in merito alle procedure relative agli accordi preventivi per l’installazione di ascensori quando non è possibile realizzare: a) i prescritti spazi liberi, oppure b) i volumi di rifugio oltre le posizioni estreme della cabina.

Read More

“Ascensore Amico”, la nuova linea di mini-lift!

slider_expocasa_samerlift_2

Ascensore Amico”, la nuova linea di mini-lift caratterizzata da facilità d’uso, bassi consumi e costi ridotti.

Quando lo spazio a disposizione è poco, le piattaforme elevatrici sono una valida alternativa.

Possono essere installate in ogni edificio, all’interno o all’esterno, e svolgono efficacemente le stesse funzioni di un normale ascensore, pur con un ingombro inferiore. Gli innovativi mini-lift della linea “Amico” sono piattaforme elevatrici che rispondono ai più avanzati criteri di sicurezza.

Sono, infatti, dotati di paracadute a bloccaggio istantaneo, di dispositivi contro la discesa rapida e per la discesa di emergenza, di controllo elettromeccanico che impedisce l’apertura delle porte in assenza di cabina. Inoltre, in caso di black-out elettrico, entra in funzione un dispositivo di ritorno automatico al piano. Come i normali ascensori poi, fungono da “momenti di aggregazione condominiale”, tanto che la linea “Amico” può risolvere problemi legati alla mobilità verticale, soprattutto per quanto riguarda palazzi e/o residenze nei centri storici.

Read More